Home :: CONCILIAZIONE :: Come si concilia?

La procedura di conciliazione

La procedura conciliativa viene avviata da una o da tutte le parti congiuntamente, compilando l’apposito modulo di richiesta da depositare o inviare presso la segreteria di Conciliatio ADR.

Per le spese di avvio del procedimento è dovuto da ciascuna parte un importo di euro 40,00 che deve essere versato dalla parte istante al momento del deposito della domanda di conciliazione e dalla parte aderente alla procedura al momento del deposito della risposta. Le spese di avvio non sono dovute qualora le parti depositano una domanda di conciliazione congiunta.

Conciliatio ADR comunica alle altre parti l'avvenuto deposito della domanda di conciliazione invitandole a partecipare alla procedura conciliativa, fissando il primo incontro. Se non specificato diversamente nell'accordo tra le parti o nel contratto, il termine ragionevolmente stabilito per la risposta all'invito è di trenta giorni dalla comunicazione dello stesso.

Conciliatio ADR nomina un terzo idoneo a svolgere la funzione di Conciliatore nella specifica procedura conciliativa.

Il conciliatore aiuta le parti a chiarire le proprie posizioni, anche ricorrendo a incontri individuali e si adopera affinché le parti raggiungano un accordo amichevole di definizione della controversia.

La sede dell'incontro è presso le sedi di Conciliatio ADR o presso un'altra sede scelta dalle parti per singoli atti.

Le parti partecipano all'incontro personalmente o mediante un proprio rappresentante munito dei necessari poteri. Le parti sono, inoltre, libere di farsi assistere da difensori, da consulenti, da rappresentanti delle associazioni di consumatori o di categoria o da altre persone di fiducia.

La procedura si considera conclusa quando:

  • una delle parti abbandona la procedura;
  • viene raggiunto un accordo per iscritto;
  • viene riscontrata l'assoluta impossibilità di raggiungere un accordo.

Per le spese di conciliazione è dovuto da ciascuna parte l'importo indicato nella tabella allegata al regolamento e approvata dal Ministero della Giustizia.

 
Area riservata